Overlord

MV5BNDUwNzhmY2YtYTYzYi00N2JjLTkwYjAtY

L’inaspettato nazi-zombie movie prodotto da J. J. Abrams (“Lost”, “Cloverfield”, “Super 8”, “Westworld”) entra a gamba tesa tra le produzioni più interessanti e coraggiose viste negli ultimi anni. Nonostante il flop al botteghino infatti, un film come Overlord, con lo stile tipico di un B-movie ma con un budget degno di una grande produzione hollywoodiana, rappresenta una boccata d’ossigeno per il cinema contemporaneo, ormai fossilizzato su produzioni sempre più banali e pretenziose, dimostrando come con una buona dose di coraggio e di bravura sia ancora possibile dare a vita a opere innovative e di grande intrattenimento. Protagonisti sono un gruppo di paracadutisti americani che atterrano nei pressi di un villaggio francese con il compito di distruggere il sistema di comunicazione tedesco, così da permettere di li a breve lo sbarco delle truppe alleate in Normandia. Scopriranno a loro spese però che i nazisti stanno conducendo esperimenti sugli abitanti locali per dare vita a dei super-soldati da impiegare nel conflitto. Ottime le performance di Jovan Adepo (già visto in “Barriere” e “Madre!”), Wyatt Russell e di Pilou Asbaek (“Gost in the shell”, “Il trono di spade”), perfetto nei panni del nazista prima e dello zombie poi. Ottimo anche il lavoro di Julius Avery, abile nel destreggiarsi con sapienza tra le tante sfumature del film con una regia avvincente e mai confusionaria che regala momenti di grande intensità e accelerazioni improvvise. Non si può non sottolineare inoltre la qualità degli effetti speciali, del trucco e soprattutto del sonoro che, grazie anche ad un budget di ben 38 milioni di dollari, rendono l’opera molto più coinvolgente e spettacolare di quanto non ci si possa aspettare. Tuttavia ciò che maggiormente convince di Overlord è il perfetto bilanciamento che sia Avery che gli sceneggiatori Billy Ray (“Hunger Games”, “Captain Phillips- Attacco in mare aperto”) e Mark L. Smith (“Revenant”) sono riusciti a trovare tra scene di guerra alla “Salvate il soldato Ryan”, mutilazioni ed esperimenti stile “La casa dei mille corpi” ed una sceneggiatura che a tratti sembra ricordare “Bastardi senza gloria”, senza tuttavia perdere il proprio carattere identitario, solido e ben definito, che lo rende un piccolo capolavoro destinato a diventare nel giro di qualche anno un vero e proprio cult nel suo genere.

Patrick Maurizio Ferrara.

Voto: 8/10.

___________________________________
image.png
Scopri subito il tuo futuro
Prima domanda conoscitiva gratuita
Prenotati subito in privato
_______________________________________________________
image.png
Vuoi migliorare nel tuo lavoro?
Vuoi diventare un autore di successo?
Scopri Corsi e Consulenze di Scrittura strategica
Prima consulenza conoscitiva gratuita
Contattaci e prenotati subito
___________________________________________________
image.png
Vuoi lavorare in modo autonomo e indipendente?
Entra nei nostri network!
Per info scrivi a progettomedea@gmail.com
_________________________________________________
image.png
Vuoi migliorare la tua vita?
Vuoi raggiungere il Benessere?
Scopri come con i Corsi e Consulenze su Sviluppo Personale
Prima consulenza conoscitiva gratuita
___________________________________________________

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...