Fate come gli islandesi. A Natale, regalate libri!

Allestire l’albero di natale, cucinare dolci leccornie, fare un pupazzo di neve, preparare latte e biscotti per Santa Claus, baciarsi sotto al vischio per proteggere l’amore, allontanando così la mala sorte. O ancora intonare canti natalizi, appendere calze al camino e bere tazze di zabaione profumato: in Islanda il mese di dicembre è una faccenda seria, che all’afflato religioso e spirituale abbina una lista infinita di tradizioni divertenti, dal sapore  folkloristico e leggendario.

Se poi amate leggere, siete nel posto giusto. Infatti, secondo l’usanza islandese del “Jólabókaflóð”, letteralmente “alluvione di libri” (o se preferite del “Christmas Yule Book Flood”), invece del tipico scambio di regali previsto per la mattina del 25, le famiglie amano riservare la notte della vigilia al dono esclusivo dei libri. Ebbene il 24 dicembre, ognuno è destinato ad aprire un nuovo libro.

L’Islanda si conferma una terra magica di lettori e scrittori, con il maggior numero di libri pubblicati pro capite. E fatta eccezione per una paio di variazioni sul tema –  alcuni donano un libro a ciascun membro della famiglia, confezionando così un regalo dedicato, mentre altri preferiscono uno scambio più dinamico in cui da una vera e propria esposizione casalinga di libri, ognuno può scegliere il testo che desidererebbe leggere, o che consiglierebbe ai propri cari – il pezzo forte della tradizione rimane uno: raggomitolarsi sui nuovi libri con una tazza di cioccolata calda in mano e leggere fino ad addormentarsi.

Un’usanza che sembra risalire al periodo della Seconda Guerra Mondiale, quando le leggi in vigore imponevano restrizioni sull’importazione di molti beni dall’estero, ma non della carta. Le difficoltà finanziarie hanno impedito lungamente di concedersi beni di lusso o viaggi costosi e per questo i libri, facili da reperire, divennero il regalo per eccellenza, e anche se il riferimento è diretto alla pratica natalizia, diremmo più in generale, che i mesi che vanno da settembre a novembre restano il momento dell’anno più favorevole e intenso per il mercato editoriale islandese. La stessa Associazione degli Editori,  parte attiva di questa meravigliosa iniziativa, si prende l’impegno di consegnare ad ogni famiglia del paese un catalogo completo di tutte le novità editoriali. 

Una consuetudine che dovremmo far nostra, di questi tempi più che mai.

 

Erika Di Giulio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...