74° Mostra del Cinema di Venezia: il secondo giorno fra Schrader e Del Toro

Seconda ricchissima giornata al Lido di Venezia per la 74° Mostra del Cinema. Il film del giorno è stato l’attesissimo (e applauditissimo) The shape of water, il nuovo fantasy romantico di Guillermo Del Toro.

guillermo del toro2

Guillermo Del Toro

“Oggi l’unica strada contro il cinismo e la paura è credere nell’amore. D’altronde i Beatles e Gesù non possono essersi sbagliati entrambi”, afferma Del Toro con la sua consueta e contagiosa ironia. Il regista, insieme a parte del cast composto da Sally Hawkins, Octavia Spencer e Richard Jenkins e al compositore premio Oscar Alexandre Desplat, ha incontrato al mattino la stampa e nel tardo pomeriggio ha partecipato al red carpet che ha preceduto la premiére in Sala Grande. Presenti molti ospiti dello spettacolo italiano ed internazionale, tanto per citarne alcuni: Emma Marrone, Giulia Bevilacqua, Roberta Giarrusso, Tiziana Rocca e Giulio Base. E poi ancora i giurati John Landis, Annette Bening e Jasmine Trinca.

Altro film importante presentato in concorso nella seconda giornata è stato il potente e

'First Reformed' photocall, 74th Venice International Film Festival, Italy - 31 Aug 2017

Ethan Hawke, Amanda Seyfried e Paul Schrader

apprezzatissimo First Reformed del regista e sceneggiatore Paul Schrader (Taxi driver, Toro scatenato), con protagonisti Ethan Hawke e Amanda Seyfried. Storia dura e dolorosa di un ex cappellano militare che non riesce a superare la morte del figlio. Il film è incentrato anche sul tema ecologico, come il film di apertura Downsizing di Alexander Payne. “Non credo che l’umanità potrà sopravvivere a questo secolo, ormai abbiamo guastato il pianeta, e chi ne paga le conseguenze siamo noi e i nostri figli”, afferma il regista. Hawke e la Seyfried, bellissimi come sempre, sono ovviamente stati assaliti dai fan sia in conferenza stampa che sul red carpet che ha preceduto la premiére del film.

William Friedkin e il suo inquietante The devil and Father Amorth è stato il terzo film della giornata, presentato fuori concorso, ma sicuramente uno dei titoli più attesi di questa edizione. Friedkin torna a parlare di possessioni demoniache a 44 anni di distanza dal suo capolavoro L’esorcista e lo fa con un documentario che si concentra su padre Amorth, il celebre esorcista morto a Roma lo scorso settembre.

Infine Zama, anch’esso fuori concorso: dramma storico della regista argentina Lucrecia Martel, incentrato sulla vita di Diego de Zama, alto ufficiale della Corona spagnola, e sul romanzo di Antonio di Benedetto. Con la regista, presenti i protagonisti Daniel Giménez Cacho e Lola Dueñas.

Roberto Puntato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...